Scopri come portare sempre più clienti a comprare nel tuo negozio!

Se vuoi moltiplicare il numero dei clienti che comprano da te, leggi con attenzione i consigli contenuti in questo articolo. Senza stravolgere la tua attività, ma potenziando i tuoi negozi.

 

Hai notato che molti clienti entrano nei tuoi negozi, ma soltanto pochi escono con le buste in mano?

Come puoi fare per riempire le loro borse con i tuoi articoli?

Te lo sei mai chiesto?

Servono per forza dei cambiamenti, altrimenti la situazione rimane la stessa, e i tuoi concorrenti arriveranno alla soluzione prima di te.

 

Basta aspettare!

È arrivato il momento di togliere la polvere dagli scaffali e di portare una ventata di novità nei tuoi negozi.

Entrando nei tuoi punti vendita, il pensiero dei clienti dev’essere soltanto uno:

“È il posto giusto per me!”

 

E allora eccoti delle idee molto interessanti per il tuo negozio di abbigliamento, di calzature o di accessori.

Scopriamo insieme 4 suggerimenti pratici per trasformare il tuo negozio nella tappa preferita dei tuoi clienti.

 

 

1. Blocca le persone davanti alla tua vetrina

La vetrina del tuo negozio va pensata un po’ come il primo appuntamento.

In pochi istanti devi catturare l’attenzione del passante e convincerlo ad entrare.

Solo così puoi avere la speranza di rivederlo.

 

L’ideale è giocare con un’idea nuova ogni mese.

Prendi spunto dalle festività (italiane e non), dal cambio delle stagioni e dagli eventi speciali, per inventare temi originali:

  • i folletti che riempiono il sacco di Babbo Natale
  • una gita a Parigi
  • i giocattoli che prendono vita
  • un picnic con i cestini sul prato
  • la fioritura dei papaveri

…tanto per fare alcuni esempi.

 

Crea una storia e raccontala con un allestimento ogni volta diverso.

Vedrai che chi ti passa davanti con il suo smartphone in mano, non riuscirà a non notare la tua vetrina.

Missione difficile, ma non impossibile.

 

Ogni volta che riprogetti la tua vetrina, scegli un prodotto o un gruppo di prodotti su cui puntare.

Così facendo trasmetti un messaggio chiaro e immediato, in grado di colpire chi guarda.

 

P.S. Esponi sempre i prezzi degli articoli in vetrina!

Così facendo dai un’idea di “prodotto acquistabile”

…e il tuo cliente dice “può essere mio”.

 

Nota bene: una vetrina colorata di giorno (con i colori giusti) e illuminata di sera (quando le altre sono spente), funziona di più.

 

Però, prima di passare al secondo consiglio utile, aspetta un attimo…

Dai il tempo a chi si ferma di mettere in tasca lo smartphone e di entrare da te.

 

2. Coinvolgi il cliente all’interno del tuo negozio

Ecco, il potenziale cliente è entrato nel tuo negozio.

Hai raggiunto il primo obiettivo.

Ora lo devi accogliere in un ambiente gradevole.

La gente ama sentirsi al sicuro, e il tuo potenziale cliente non è da meno.

 

Il tuo visitatore si aspetta un arredamento bello, gli deve piacere.

Bada bene, deve piacere a lui, non a te.

Può sembrarti strano, ma un bel arredamento fa rispondere positivo alla domanda:

“Acquisto o non acquisto?”

 

Se non l’hai già fatto, traccia l’identikit del tuo cliente tipo.

Solo così potrai allestire un luogo che lo conquista.

Non serve carta e penna, ma una buona dose di immaginazione.

Chiediti:

  • È un tipo in carriera oppure un papà modello?
  • Che genere di musica ascolta mentre guida?
  • Cena al ristorante giapponese oppure prende un panino al fast-food e via?
  • Dove prenota le sue vacanze?
  • Quali immagini usa come sfondo del telefono?

 

Bene, ora ti è più facile passare alla pratica.

L’arredamento interno comunica “l’identità” del tuo negozio, cioè spiega ai visitatori in cosa sei diverso dagli altri.

Per cui, scegli con gusto.

In base all’arredo, decidi il tuo stile:

può essere etnico, militare, sportivo, vintage… potremmo andare avanti all’infinito!

Noi ci fermiamo prima.

Tu scegli gli arredi e lo stile che si adattano di più al prodotto che vendi, e alla clientela che hai.

Non puoi sbagliare.

 

Le idee per arredare non finiscono qui!

Ecco dei particolari da non trascurare:

  • illuminazione
  • climatizzazione
  • colori
  • immagini
  • musica
  • profumi

Ciascuno di questi punti serve per “riscaldare l’atmosfera”, cioè per ridurre la distanza tra te e il tuo cliente.

 

Stai sicuro.

Seguendo questi suggerimenti, incuriosisci il visitatore e gli prepari un ambiente da esplorare con i 5 sensi (vista, udito, tatto, olfatto, gusto).

È così che l’esperienza di acquisto diventa, per il cliente, indimenticabile.

Tieni presente che più un cliente rimane in negozio, più aumenta la possibilità che compri da te.

 

Riassumendo: se la vetrina ha lo scopo di convincere, l’arredamento interno ha lo scopo di coinvolgere.

E si sa, coinvolgimento fa rima con divertimento!

È più semplice far tornare in negozio un cliente divertito.

Non dimenticarlo.

 

Vabbe’, il tuo visitatore è entrato nel tuo negozio

…e fin qui ci siamo.

L’hai coinvolto, l’hai divertito…

Ma se non compra, dove sta il bello?

Scopriamo insieme qualche ulteriore aiuto per facilitare le vendite.

 

3. Crea un “percorso di acquisto”: decidi tu come il cliente si deve muovere in negozio

Lo sai che puoi prevedere in anticipo le mosse dei tuoi visitatori?

È importante e allo stesso tempo facile.

Basta conoscere qualche semplice trucco per aggiustare 2 aspetti:

  1. la disposizione delle attrezzature
  2. l’esposizione interna della merce

 

Vediamo insieme come fare.

 

Il tuo stile è ordinato e lineare?

Benissimo. Decidi di alternare file di scaffali e corridoi.

Si chiama “esposizione orizzontale”. Come quella dei supermercati, per intenderci.

 

Se invece preferisci un ambiente più rilassante e meno impostato, crea delle isole indipendenti, cioè dei punti attrezzati per sistemare abiti o accessori.

Questa invece è un’“esposizione verticale”.

 

In entrambi i casi, meglio se i prodotti sono raggruppati in base a:

  • marchio
  • occasione d’uso
  • tipologia di capo
  • possibilità di abbinamento

 

Forse non sai che posizionare in scaffali vicini, capi e accessori che di solito vanno indossati insieme, ti aiuta a vendere di più.

Le camicie vicino alle giacche, le cinture vicino ai pantaloni, le calze vicino alle gonne, sono solo alcuni esempi di disposizioni che favoriscono i cosiddetti acquisti aggiuntivi.

Cioè quegli acquisti che la gente, quando è uscita di casa, non aveva in programma di fare.

 

La parola chiave è differenziarsi, non rimanere anonimo e non mantenere sempre le stesse disposizioni.

Cambia e rinnovati sempre: i clienti che vogliono essere all’ultima moda sceglieranno te, per la tua capacità di mutamento ai nuovi arrivi.

 

Devi offrire una lettura chiara e veloce dell’assortimento:

  • posiziona al centro del negozio la merce di punta, più moderna
  • posiziona ai lati la merce meno in voga, più classica
  • usa dei cartelli piacevoli e leggibili per indicare le promozioni

 

Così facendo guidi passo dopo passo il tuo cliente:

gli fai compiere un percorso intelligente durante il quale gli proponi idee, soluzioni e abbinamenti da copiare.

 

Ovvio che lo scopo finale è l’acquisto.

Se il tuo potenziale cliente non si dirige verso la cassa al termine della visita, c’è qualcosa che non va.

Ma non è ancora detta l’ultima parola.

Il tuo personale può fare la differenza.

Capiamo insieme come.

 

4. Se si fida …puoi star certo che ritorna!

A chi non fa piacere essere accolti da un chiaro “buongiorno” e da un bel sorriso entrando in un negozio?

A chiunque. Ma vale la pena essere precisi.

La maggior parte delle persone che mette piede in un negozio, apprezza ricevere un saluto di benvenuto, ok.

Ma non sopporta l’insistenza di certi commessi, e questo è un forte motivo di scarto.

 

Le commesse e i commessi del tuo punto vendita devono essere presenze rassicuranti e non invadenti: pronti a risolvere qualsiasi dubbio o insicurezza del cliente.

Dopo il contatto iniziale, il cliente va lasciato libero di vedere, cercare, toccare, provare …e persino di non comprare.

Addirittura di comprare e restituire. Eh già.

E qualora avesse domande da fare, il tuo personale è lì per questo. Per rispondere con gentilezza e competenza.

 

La tua commessa e il tuo commesso ideali sono persone di aspetto piacevole, curate e ordinate.

Sono educati, socievoli, dinamici, pazienti e disponibili …perché è questo il genere di persone che i tuoi clienti desiderano incontrare.

L’esperienza nella vendita di abbigliamento è un buon requisito, ma non è tutto. Talvolta vale la pena scoprire nuovi talenti.

 

Avere un personale competente, significa avvalersi di persone capaci di fornire ai clienti informazioni utili 

sui capi di abbigliamento e accessori moda presenti in negozio.

Nello specifico conosce:

  • i materiali
  • la vestibilità
  • le modalità di lavaggio
  • le alternative di abbinamento

 

Da non sottovalutare è la capacità di dare consigli giusti e di infondere fiducia nel cliente.

Se la tua commessa sa metterlo a suo agio, se gli ha dato la sicurezza che gli mancava per acquistare quella giacca scozzese che aveva visto in vetrina, ma con cui pensava di non star bene, allora il cliente si fida …e vedrai che ritorna!

Un cliente soddisfatto torna sempre.

 

Se hai letto l’articolo fino a questo punto, ti meriti di conoscere un trucco infallibile: fai indossare i capi del negozio al tuo personale.

Non c’è pubblicità migliore di vedere un abito indossato da un’altra persona, prima di acquistarlo.

Provaci!

 

 

Rivediamo in velocità i consigli che hai appena ricevuto,

ti sarà più facile organizzare la lista delle cose da fare:

  1. per convincere il cliente ad entrare in negozio, scegli un articolo ogni volta diverso e rendilo il protagonista delle tue vetrine, cambia spesso allestimento e dai libero sfogo alla tua creatività
  2. per coinvolgere il cliente, rendi bello il tuo negozio con un arredamento interessante, ispirato ai prodotti che vendi
  3. per guidare il cliente all’interno del negozio, disponi gli scaffali in modo lineare o sparso, ed esponi la merce per marchio, occasione d’uso, tipologia e abbinamento
  4. per mettere il cliente a suo agio, i tuoi commessi devono essere presenti, ma non invadenti, preparati a risolvere tutti i suoi dubbi

 

Mettendo in pratica questi semplici accorgimenti nei tuoi negozi, hai creato un ambiente rassicurante che piace al cliente.

Ora sta a te vendere …non solo oggetti, ma anche idee e calore umano, perché è lì che si gioca la sfida finale con la concorrenza.

Sei pronto a vincerla?

 

Una marcia in più te la può dare solo la tecnologia.

E si sa, al giorno d’oggi se non stai al passo con i tempi, resti indietro, e gli altri ti sorpassano.

 

Premi QUI adesso, per conoscere da vicino un gestionale specifico per negozi di moda

 



Andrea Albertin
Andrea Albertin
Maxima – GShop Retail
Co-fondatore di Maxima, aiuto aziende di moda con punti vendita a risolvere i loro problemi quotidiani. Lo faccio, assieme al team di GShop, fornendo soluzioni tecnologiche specifiche per il mondo Fashion Retail.


Lascia un commento

Potrebbe interessarti anche

Le vie dello shopping preferite dai tuoi clienti

Leggi l'articolo >

Il dietro le quinte del nuovo eCommerce 2017 di LVMH, “24Sèvres.com”

Leggi l'articolo >

Email di Pasqua: 3 tattiche interattive per aumentare il coinvolgimento e le vendite

Leggi l'articolo >

Articoli più visti

Foto di moda: come digitalizzare il prodotto per vendere online

Leggi l'articolo >

Storytelling: l’arte di raccontare storie nel tuo negozio

Leggi l'articolo >

Lasciaci qui sotto i tuoi dati, ti contatteremo per una soluzione per la tua attività!






In omaggio una copia del nostro ebook: Gli SMS come strumento di business

Acconsento al trattamento dei dati raccolti per le finalità in oggetto (informativa privacy)